Loading Posts...

Marco Steiner e il mistero di Gisela Dester

Su Fumetto n.121 (marzo 2022), oltre al ragguardevole Punto dedicato ad Albert Uderzo, spicca un articolo che non a caso abbiamo messo sotto l’insegna scoop. Infatti, Marco Steiner e Stefano Knuchel, nell’ambito del lavoro per la realizzazione del docufilm Hugo in Argentina (2021), hanno avventurosamente chissà come rintracciato Gisela Dester, la musa nonchè grande amore di Hugo Pratt nel suo periodo a Buenos Aires a fine anni ’50 e inizio anni ’60. Collaboratrice di Pratt nota soprattutto per il suo lavoro su Ticonderoga, rimasta per qualche tempo – dopo la partenza di Hugo – a disegnare per le pubblicazioni di Oesterheld, una volta terminata ben presto (troppo presto?) la sua esperienza da fumettista è completamente scomparsa senza dare più notizie di sè per oltre 50 anni.
Mentre Steiner narra dell’incontro avvenuto in una atmosfera quasi magica a Buenos Aires nel 2019 per convincere Gisela, come poi accaduto, a prendere parte al film (presentato al Festival del Cinema di Venezia nel 2021), Knuchel mette insieme una quasi biografia della Dester, a riempire in poche righe decenni di vuoto informativo… non è mica facile sparire così, al giorno d’oggi: ci vuole davvero una volontà granitica di passare inosservati. Nunca ser mediocre, non essere mai mediocre: questo l’insegnamento fondamentale che Gisela ricorda di aver ricevuto da Pratt, e questo è anche il titolo del bell’articolo che Marco Steiner ha voluto scrivere per la nostra rivista.
Grazie, Marco e Stefano, per aver diradato la nebbia sul mistero di Gisela Dester e averci raccontato un po’ della sua vita e dei suoi sogni.